I Campionati di Sci Alpino

I giochi olimpici, la coppa del mondo e i campionati mondiali di sci alpinoLo sci come disciplina agonistica affonda le sue radici negli anni ’60 del XIX secolo, con gare inserite nelle cosiddette “settimane dello sci” americane e norvegesi. Tuttavia fu solo sul finire del secolo che le competizioni presero forma di appuntamenti annuali ricorrenti, trasformandosi nel ‘900 nelle kermesse nazionali e internazionali che conosciamo oggi.

La Coppa del Mondo di sci e i Campionati Mondiali

Appuntamento biennale di riferimento per tutti gli appassionati di sci, la prima edizione del Campionato Mondiale di Sci Alpino fu inaugurata nel 1931 a Mürren, in Svizzera. Dopo la pausa della Seconda Guerra Mondiale, il campionato riprese nel 1948, disputandosi negli anni pari fino al 1982. Accadeva così che periodicamente si sovrapponesse alle Olimpiadi Invernali: quando ciò accadeva, le competizioni del campionato mondiale erano considerate valevoli anche per l’Olimpiade; in questo modo le medaglie assumevano, per così dire, un valore doppio. Tuttavia, a partire dal 2005 la FIS (Federazione Internazionale Sci) decise di disputare l’evento solo negli anni dispari, evitando in questo modo sovrapposizioni. La prima posizione nel medagliere è attualmente occupata stabilmente dall’Austria, con 225 medaglie, seguita da Svizzera (181), Francia (119) e Germania (110). Altra competizione organizzata dalla FIS in tempi più recenti è la Coppa del Mondo di Sci Alpino, la cui prima edizione risale alla stagione 1966/1967. Evento annuale, prevede due circuiti paralleli e separati per uomini e donne, con gare che si svolgono da ottobre a marzo in Europa, Nord America, Giappone e Corea del sud. Come per i Campionali Mondiali, le discipline di questa competizione sono lo slalom (speciale, gigante e supergigante e dal 2011 parallelo) e la discesa (libera e combinata). La classifica viene stilata attraverso il conteggio dei punti assegnati a ciascun concorrente e prevede 30 posizioni. All’atleta che dopo le finali consegue la prima posizione nella classifica di specialità viene consegnato l’ambito trofeo della “Sfera di Cristallo”, comune agli altri campionati organizzati dalla FIS (sci di fondo, salto e combinata nordica). L’albo d’oro vede in prima posizione per vittorie nella competizione il lussemburghese Marc Girardelli per gli uomini (5 coppe) e l’austriaca Annemarie Moser-Pröll per le donne (6 coppe).

I Giochi Olimpici Invernali e lo Sci Alpino e i Campionati Italiani

Il debutto dello sci alpino alle olimpiadi invernali è datato 1936, con l’edizione di Garmisch-Partenkirchen, in Germania. In quell’occasione, tuttavia, fu disputata unicamente la gara di combinata, vinta dai tedeschi Franz Pfnür e Christl Cranz. Dopo l’interruzione della Seconda Guerra Mondiale, dal 1948 i Giochi si disputarono regolarmente ogni quattro anni e peridodicamente, fino al 1980, con risultati valevoli anche per il Campionato Mondiale. Le Specialità che fanno parte del suo programma sono, oltre alla combinata, la discesa libera, il supergigante e gli slalom gigante e speciale. Anche i Giochi prevedono lo svolgimento di due gare per specialità, una maschile e una femminile. Ancora più antichi per data di prima edizione, i Campionati Italiani di Sci Alpino organizzati dalla Federazione Italia Sport Invernali sono una delle competizioni più longeve dello sci nazionale. Disputati regolarmente dal 1931, con unica eccezione della stagione ’44-’45, si svolgono ogni anno nel mese di marzo, attribuendo il titolo per specialità con una singola gara maschile e femminile.

Immagine di: Günter Menzl – FotoliaSimilar Posts: